Quaderni di cultura musicale

Quaderni di cultura musicale

La Storia cantata dai popoli

L’Accademia di alto perfezionamento Musicale Roma Castelli (A.M.Ro.C.) in collaborazione con la Fondazione di partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri (FondARC) organizzerà a partire da settembre 2017 e fino a giugno 2018 un corso di storia della musica popolare:

LA STORIA CANTATA DAI POPOLI di DANIELE MUTINO

Corso di musica popolare per i nostri giorni

Il corso si svolgerà nella Sala degli affreschi della Casa delle Culture e della Musica a Velletri, Piazza Trento e Trieste, la domenica mattina dalle ore 11,00.

Gli incontri della durata di circa 90-120 minuti avranno una cadenza mensile per un totale di 9 incontri dal mese di settembre 2017 al mese di giugno 2018.

La parte economica è in corso di definizione: per poter coprire gli oneri del progetto potrebbe essere richiesto un contributo da parte dei partecipanti (ipotizzabile in circa 60 euro per il ciclo di 9 incontri), ci auguriamo però di poter coinvolgere uno o più sostenitori/sponsor privati che possano permettere di ridurre sensibilmente il contributo individuale – ed al limite di eliminarlo – in modo da rendere massima la partecipazione.

E’ gradita, a breve, una risposta di interesse – non impegnativa – indicando anche il corso o i corsi di gradimento: info.amroc@gmail.com tel. 371.1508883

mutino

LA STORIA CANTATA DAI POPOLI

di DANIELE MUTINO

Corso di musica popolare per i nostri giorni

1. DAL MYTHOS AL LOGOS E VICEVERSA

Aedi, guslari, rapsodi, trovatori, trovieri, alle radici dell’Occidente – Ernesto De Martino, Milman Parry, Eric Havelock

2. LA TERRA DELLA STORIA CANTATA

Il cantastorie in Sicilia da Carlo Magno al Folk Revival – Ciccio Busacca, Orazio Strano

3. DAL CANTASTORIE AL CANTAUTORE, LA PIAZZA PERDUTA

Il passaggio epocale dalla musica popolare alla televisione – Domenico Modugno, Matteo Salvatore

4. TARANTA SENZA POWER

Riti musicali di guarigione e fertilità, nella Terra del Rimorso, ieri e oggi – Ernesto De Martino, Roberto De Simone, George Lapassade, tammurriata devozionale, tarantella rituale

5. L’ITERAZIONE MICROVARIATA

Le architetture formali della musica popolare e la musica colta, dalla Follia rinascimentale a Bela Bartok

6. LA PANTERA DANZA IL SOVRANNATURALE

L’epopea del continente musicale nero, tra Africa e Americhe, fino al Rap

7. CANTO DELL’ASSENZA, DEL DESIDERIO E DELLA STRADA

Blues, Tango, Fado, Canzone napoletana e altri linguaggi musicali nati dalla strada e dalla fusione di culture – Edith Piaf, Astor Piazzolla

8. VIE DEI CANTI E KURANGARA

I miti cantati dei nomadi australiani e la loro prospettiva apocalittica, nello sguardo di Bruce Chatwin, Ernesto De Martino, Dario Sabbatucci, Werner Herzog

9. LA STORIA CANTATA PER IL NOSTRO TEMPO

Linguaggi antichi per uno sguardo contemporaneo, al recupero di una prospettiva autenticamente popolare – Fabrizio De Andrè, Jordi Savall, musica di strada.

Ogni lezione è articolata in due incontri, di due ore l’uno:

- nel primo dei due incontri, in forma di conferenza, verrà trattato il tema specifico, e, contestualmente, l’autore eseguirà anche, alla fisarmonica, delle musiche pertinenti all’argomento trattato;

- al termine del primo dei due incontri sarà possibile acquisire delle dispense scritte dall’autore, relative al singolo argomento trattato, con una bibliografia ragionata di riferimento, come guida per eventuali approfondimenti;

- a distanza di alcuni giorni (almeno una settimana) il primo incontro/conferenza sarà seguito da un secondo incontro, che si svolgerà come un approfondimento del tema trattato, in forma di dibattito, in cui saranno coloro che frequentano il corso a proporre materiali, performance, approfondimenti, domande e considerazioni sull’argomento della lezione precedente;

- nel secondo incontro sarà possibile accogliere degli ospiti che parleranno e/o suoneranno in relazione al tema trattato;

- al termine del secondo incontro il docente introdurrà brevemente l’argomento della lezione successiva.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>