Il “suono” di Liszt a Villa d’Este – VIII edizione

Il “suono” di Liszt a Villa d’Este  – VIII edizione

 “Celebrando i 250 anni di Beethoven con Liszt e… con alcuna licenza”
I concerti si terranno la domenica alle ore 11:15

 

    9  Febbraio  2020                             “Ricordando Lya De Barberiis”     
domenica  ore 11,15               a un secolo dalla nascita e sette anni dalla scomparsa
                                                musiche di Beethoven, Casella, Castelnuovo-Tedesco
                                                        al pianoforte  Claudio Curti Gialdino                                                                   
 

    16  Febbraio  2020                           “Beethoven tra eroismo e pathos”        b/n
domenica  ore 11,15                              musiche di Beethoven e Beethoven/Liszt
                                                                             al pianoforte  Michelangelo Carbonara
                                                            

  23  Febbraio  2020                         “Beethoven e la sublime leggerezza”     b/n
domenica  ore 11,15                                 musiche di Beethoven e Beethoven/Liszt
                                                           al pianoforte Gesualdo Coggi
                                                                                                                                            

   15    Marzo    2020       “Da Wagner a Strauss: poesia in musica o musica in poesia?”
domenica  ore 11,15                                      soprano   Ana  Lushi
                                                                 al pianoforte  Kozeta Prifti

 
  22    Marzo    2020            Concerto del vincitore del concorso internazionale   
domenica  ore 11,15                               “On Stage Competition 2020” 
 

  29    Marzo    2020                                      “L’amore e il fato”                     b/n   
domenica  ore 11,15            musiche di Wagner/Liszt, Verdi/Liszt e Beethoven/Liszt
                                                               al pianoforte  Emanuele Frenzilli

 

    5    Aprile    2020                    “Un’oasi di calma nella temperie eroica”  b/n
domenica  ore 11,15                                musiche di Beethoven e Beethoven/Liszt
                                                          al pianoforte Federico Nicoletta    


  19    Aprile  2020                       “Il pianoforte incontra il violoncello in B&B”
domenica  ore 11,15                             musiche di Beethoven e Brahms
                                           al violoncello Andrea Nocerino - al pianoforte Axel Trolese

  26    Aprile    2020       “Da un maestoso Bach alle seducenti atmosfere di un Beethoven pastorale”     
domenica  ore 11,15                                musiche di Bach/Busoni e Beethoven/Liszt
                                                          al pianoforte Ivan Donchev

 

          Supplemento alla VIII edizione:

    Giugno  2020    **      “Un pianoforte tra gli archi da Beethoven a Sgambati”

musiche di Beethoven e Sgambati 
Irené Fiorito  e  Riccardo Zamuner  violini
Maddalena Adamoli            viola
Arianna Di Martino      violoncello
Cecilia Facchini      pianoforte

 * * : concerto condizionato dalla possibilità di replicarlo a Trevi nell’Umbria

 


“Celebrando i 250 anni di Beethoven con Liszt e… con alcuna licenza”

Sarà Beethoven (17/12/1770-26/3/1827), in occasione dei 250 anni dalla nascita, l’argomento principe della VIII edizione della rassegna “Il ‘suono’ di Liszt a Villa d’Este” la quale, nata nel 2011 in concomitanza del bicentenario lisztiano, deve il suo nome all’utilizzo del pianoforte gran coda Erard del 1879 sostanzialmente uguale a quello che Liszt ebbe e suonava nella Villa d’Este di Tivoli durante i suoi ultimi anni di vita ma anche a quello che usò quasi sempre   durante la sua favolosa carriera di concertista. La rassegna intende dunque rievocare – se non far rivivere concretamente – la qualità dei suoni che riecheggiavano in quelle stanze quando Liszt sedeva al pianoforte e a tal fine lo strumento storico è affidato ad artisti assai spesso molto quotati e famosi, talora un po’ meno, ma tutti di notevole spessore e qualità.

Liszt fu un grande divulgatore della musica di altri autori, eseguendone le sue trascrizioni e parafrasi per pianoforte solo: non potevamo quindi lasciarci sfuggire l’occasione dei 250 anni di Beethoven per proporre le sue celebri sinfonie nelle trascrizioni con cui Liszt contribuì a farle conoscere in tutta Europa, anche dove non poteva giungere un’orchestra. In questa edizione del 2020 ne vengono proposte cinque, tra le più famose, in un ciclo che abbiamo voluto denominare “Sinfonie in bianco e nero”, alludendo non solo banalmente al colore dei tasti del pianoforte ma pure al fatto che tali trascrizioni sono come le stampe – o  i disegni e le foto in bianco e nero – che riproducono i quadri policromi sfruttando le gradazioni del chiaroscuro. Similmente Liszt riproduce i colori dell’orchestra grazie a studiate ed efficacissime combinazioni armoniche, ma anche timbriche, stante la caratteristica disuniformità del timbro nei pianoforti dell’epoca attraverso i diversi registri della tastiera (dal grave all’acuto). A maggior ragione dovevamo proporre queste sinfonie: disponendo proprio dello stesso tipo di pianoforte su cui Liszt aveva concepito queste sue trascrizioni, possiamo ascoltarle con gli effetti sonori che intendeva esattamente l’autore, e questo lo facciamo nei concerti che sul calendario sono contrassegnati dalla sigla b/n.

Insieme con le sinfonie avremo di Beethoven  una selezione di sonate per pianoforte, ma anche con il violoncello, e comunque, per non essere eccessivamente monografici – e monotoni – avremo pure composizioni di altri autori ed anche concerti che esulano, in tutto o in gran parte, dall’argomento principale, come promette la postilla al titolo programmatico della rassegna “…con alcuna licenza”, parafrasando l’uso che si fa di questa locuzione in alcune indicazioni agogiche di brani musicali: è il caso ad esempio del concerto in cui ricorderemo la grande pianista italiana Lya De Barberiis, con il recital di un suo allievo storico, ora docente al Conservatorio A.Casella (AQ),  proprio nel giorno preciso in cui è mancata sette anni prima e ancora all’interno del centenario della nascita avvenuta il 19/7/1919; ma è anche il caso dell’unico concerto che prevede il canto, con i bellissimi e sorprendenti Wesendonk Lieder di Wagner ed i meravigliosi e commoventi Ultimi quattro Lieder di Richard Strauss, come pure lo sarà forse il concerto riservato al vincitore del concorso internazionale On Stage Competition: un appuntamento, quest’ultimo, che ormai si rinnova da quattro anni e che ci consente di conoscere ed apprezzare nuovi giovani e validi interpreti.

 

Giancarlo Tammaro

(direttore artistico)    

Solo per Chitarra – VIII edizione

ACCORTO CIRCUITO - SOLO PER CHITARRA 2019 - ok3 e 16 NOVEMBRE 2019 ore 19:00
SOLO PER CHITARRA 2019
Rassegna chitarristica realizzata con il contributo di
R.A.S.I. www.reteartistispettacolo.it

in collaborazione con Accademia Chitarristica dei Castelli Romani (Ingresso gratuito)

Domenica 3 NOVEMBRE ore 19.00
DUO PACE-POLI CAPPELLI
Presentazione CD
Mario Castelnuovo-Tedesco
Complete music for two guitars

SERGIO FABIAN LAVIA & DILENE FERRAZ
Saudalgia
Musiche di Castelnuovo-Tedesco, Gangi, Lavia, Mol, Ferreira

Sabato 16 NOVEMBRE ore 19.00
LUCIANO POMPILIO
Le armonie della chitarra attraverso i secoli
Musiche di Bach, Sor, Bogdanovic

only a pawn in their game

Velletri 01.10.2019

True Voices Sax Quartet

Domenica 22 settembre ore 18:30

Teatro Artemisio “Gian Mria Volontè”

“True Voices Sax Quartet”

Carlo Micheli

Davide Grottelli

Daniele Manciocchi

Claudio Giusti

Ingresso Libero

Il True Voices Sax Quartet nasce nel 2011.
La caratteristica fondamentale del gruppo è la sua eterogeneità con i quattro musicisti dell’area romana, o meglio dei castelli romani, che vantano tutti importanti collaborazioni. Un laboratorio creativo che si esprime con improvvisazioni collettive, solistiche e composizioni originali che esprimono le personali e spiccate predilezioni per jazz, R&B, funky, etnica.
ATCL
Regione Lazio
Comune di Velletri
FondARC
Ass. cult. Colle Ionci
Info colleionci@gmail.com
tel. 3711508883

 

 

EventoSax 2019 – XVII edizione

 

———————————————————

Burgas Music Evenings – Бургаски Музикални Вечери – 15-19 Agosto 2019

Burgas Music Evenings – Бургаски Музикални Вечери

First International Festival

15 – 19 August 2019

Burgas (Bulgaria)

 

 


—————————————————————————–

XIV Corso Nazionale di interpretazione musicale

64369670_2585163928161153_6867739340089327616_n

—————————————————————————–

IL CHIOSTRO IN MUSICA – III EDIZIONE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL CHIOSTRO IN MUSICA
III EDIZIONE

dal 10 luglio al 1 settembre 2019

Casa delle Culture e della Musica
Velletri
Piazza Trento e Trieste

Associazione Culturale Colle Ionci
Accademia di alto perfezionamento Musicale Roma Castelli
Con il patrocinio della
Fondazione di partecipazione Arte e Cultura della Città di Velletri

Programma luglio

Mercoledì 10 Luglio 2019 ore 21:00
Marco Baccelli, pianoforte
Musiche di J. Haydn, Bach-Liszt, F. Chopin, S. Barber

Sabato 13 Luglio 2019 ore 19:00
Concerto finale allievi della Masterclass di pianoforte
del Maestro IVAN DONCHEV
(ingresso libero)

Martedì 16 Luglio 2019 ore 21:00
The Fall of the King Concert solo
musiche di scena dal “ KONGENS FOLD” del ROYAL DANISH THEATER di
Copenhagen e del AARHUS TEATERGARDEN di Aarhus
di e con Adele Madau, violino

Martedì 23 Luglio 2019 ore 21:00
Quintetto a plettro “Giuseppe Anedda”
Emanuele Buzi, mandolino – Norberto Goncalves da Cruz, mandolino
Valdimiro Buzi, mandola – Andrea Pace, chitarra
Emiliano Piccolini, contrabbasso
Musiche di: Gioacchino Rossini, Yasuo Kuwahara, Astor Piazzolla, Ennio Morricone

Domenica 28 Luglio 2019 ore 19:00 (Il concerto è spostato ad altra data)
Triumphive Sax Quintet
Andrea Bassi – Christian Soranzio – Elias Faccio
Florin Pita – Lorenzo Grangetto
Musiche di P. Iturralde J.N.Savari M. Ravel Shostakovich M.Skoryk J.Naulais E.Whitacre J.Williams H.Zimmer P.Desmond E. Morricone

Lunedì 29 Luglio 2019 ore 21:00
Pictures: immagini dal mondo
Alessandro Juncos, Saxofono
Matteo Dal Toso, Pianoforte e Fagotto
Musiche di Iturralde, Juncos, Durlo, Rezzaro, Noda, Piazzolla

Venerdì 9 agosto 2019 ore 21:00
REST ENSEMBLE
Rebecca Raimondi, violino
Michele Marco Rossi, violoncello
Alessandro Viale, pianoforte
Musiche di R. Malipiero, G. Cassado

Domenica 1 settembre 2019 ore 21:00
LUDWIG VAN SENZA ORCHESTRA
Duo Marco Santià e Lorenzo Grossi
pianoforte a quattro mani
Musiche di L.van Beethoven

 

Velletri – Casa delle Culture e della Musica
Ingresso: Biglietto 12 euro
Ridotto 8 euro (tessera AMRoC, tessera SBCR, tessera ass. Memoria 900)
Gratuito fino a 18 anni
colleionci@gmail.com
tel. 371 1508883

NEW ZEALAND COMPOSER’S PERSPECTIVE AT 40 DEGREES BELOW THE EQUATOR AND 8,527 KM FROM ITALY


—————————————————

“Ascolto senza spavento e pregiudizi” di Andrea Dan

Chopiniana di Stefano Cataldi il 18 maggio. Anteprima 17 maggio

Venerdì 17 maggio ore 21:00 (anteprima)
F. CHOPIN, Notturni
Alessandro Vena, pianoforte

Sabato 18 maggio ore 21:00
“CHOPINIANA – Quadretto biografico in sei scene”
di Stefano Cataldi – prima esecuzione assoluta
Maximilian Nisi, voce recitante
Quartetto “Foldec”: Violino I Demi Laino, Violino II Simona Foglietta, Viola Silvia Dello Russo Violoncello Donato Cedrone
Fabio Ludovisi, pianoforte
Coro Giovanile Lavinium diretto da Fabrizio Vestri
Stefano Cataldi, elettronica

(libretto Chopiniana)

Comune di Velletri
Assessorato alla Cultura
Associazione Culturale Colle Ionci
A.M.Ro.C.
Associazione Mozart Italia
con il patrocinio della
FondARC

Velletri – Casa delle Culture e della Musica
Ingresso singolo concerto:
Biglietto 12 euro
Ridotto 8 euro (tessera AMRoC, tessera SBCR, tessera ass. Memoria 900)
Ingresso per entrambi i concerti 17 e 18 maggio:
Biglietto: 20 euro
Ridotto 15 euro (tessera AMRoC, tessera SBCR, tessera ass. Memoria 900)
Gratuito fino a 18 anni

colleionci@gmail.com
tel. 371 1508883

 

“Clavicembalo riTemperato” di Fabio Ludovisi

“Clavicembalo riTemperato”

di Fabio Ludovisi

Seconda parte dell’ambizioso progetto di esecuzione integrale del Clavicembalo ben temperato di Bach nella versione a quattro mani, nella trascrizione di Théodore Dubois. Da una parte provo un’infinita ammirazione per i bravissimi musicisti che hanno sposato con entusiasmo questo progetto, dall’altra sento tremare i polsi perché, a detta degli stessi esecutori, c’è un intreccio di parti, di mani, di diteggiature e di note, nel vortice di idee musicali che si rincorrono continuamente, per nulla semplice. Anche in questo caso, come nel primo appuntamento, con una lettura certo diversa dai precedenti ma ugualmente molto interessanti, gli artisti hanno saputo affrontare più che degnamente questa prova rendendo perfettamente la fluidità e il pragmatismo (inteso come razionalità diretta al conseguimento di un fine concreto, in questo caso la bellezza) di questa mente geniale, capace di scrivere musica per ogni strumento o formazione (circa un migliaio sono catalogate come sue composizioni). Insomma, il Kantor colpisce ancora. Dalla sua parte, fortunatamente, ha ancora moltissimi validi musicisti e cultori della musica senza etichette e senza tempo.
Una tranquilla domenica pomeriggio in un paese qualsiasi in una location qualunque (ma l’Auditorium della Casa delle Culture e della Musica non lo è …) viene illuminata da questi lampi di luce…. grazie agli intensi musicisti del Duo Palmas e del Duo Five ‘O Clock per le forti emozioni …. grazie all’ineccepibile Giancarlo Tammaro per le sempre interessanti spiegazioni …. grazie al visionario Valeriano Bottini con il suo braccio destro Anais De Montauban
e all’Associazione Colle Ionci, Associazione Mozart Italia – sezione Castelli e all’Accademia di Alto Perfezionamento Musicale Roma Castelli.
Queste propongono da sempre un’offerta musicale di qualità, in continua evoluzione, che merita di essere sostenuta ed appoggiata. Ci stiamo ?

——————————————————————————————————————

Influenze afroamericane nella Musica del XX secolo

 

——SEMINARIO DI MUSICOLOGIA  – Incontri Contemporanei ——

Influenze afroamericane nella Musica del XX secolo
con il M° Stefano Cataldi
7-8-9 giugno 2019
——————————–
15 ore di incontri collettivi
Forum di approfondimento serale
A tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.
Full immersion nello splendido scenario del Castello:
Seminario. due pernottamenti con pensione completa più volazione e pranzo della domenica
Info e prenotazioni:
tel. 328 0516186 – 069629087
Flyersound@yahoo.it

MASTERCLASS di pianoforte del Maestro IVAN DONCHEV 10-14 luglio 2019

MASTERCLASS di pianoforte del Maestro IVAN DONCHEV

10-11-12-13-14 luglio 2019 a Velletri

Auditorium della Casa delle Culture e della Musica

Scadenza iscrizioni: 1 luglio 2019

Calendario di massima:
10-11-12-13 luglio ore 09.30 – 18.00 Lezioni
14 luglio prove e concerto
Sono previste quattro lezioni individuali di 50 minuti ciascuna. A tutti i partecipanti sarà rilasciato un Attestato di Frequenza.

MODULO di ISCRIZIONE

APPLICATION FORM

Domenica 14 luglio ore 18:00 concerto degli allievi della Masterclass del Maestro Ivan Donchev a Velletri – Auditorium della Casa delle Culture e della Musica – Piazza Trento e Trieste

AMRoC: 3711508883

info.amroc@gmail.com

Dipartimento pianoforte: M° Massimiliano Chiappinelli 3498437291

Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura della Città di Velletri
Accademia di alto perfezionamento Musicale Roma Castelli
Associazione culturale Colle Ionci

“Buon compleanno Johann Sebastian Bach” di Fabio Ludovisi

“Buon compleanno Johann Sebastian Bach”

di Fabio Ludovisi

Robert Schumann, dalle Regole di Vita per i Giovani Musicisti: “n. 4: impara prima che puoi le leggi fondamentali dell’armonia”…. Difficile pensare per un ragazzo che comincia a studiare Bach fin dalla più tenera età che quello che sta affrontando sia stato uno dei principali ”legislatori” in materia ….. all’inizio forse si tende a ridurlo un pò ad un passaggio inevitabile, spesso sento cose del tipo “si al ragazzo piace la musica, ma che noia e che barba tutto quel solfeggio, la tecnica, le scale e come si chiama quello complicato ? Ah si, Bach”. Ok allora se vuoi fare l’ingegnere lasci stare matematica e fisica ….. o il medico salti le lezioni di biologia e chimica ?

Però con il tempo ho imparato (e chiunque fa musica lo ha) ad averlo come pilastro di riferimento. Capisco che forse sia più appagante suonarlo che ascoltarlo ….. sentii una volta dire ad un cultore della musica che all’ascolto di Bach non sentiva vibrare il sacro pelo dell’anima …… ma non riuscirei a pensare ad un mondo che non avesse avuto un Bach ….. è uno di quei personaggi che fanno da crocevia nella storia .. e in questo caso non solo della musica …… pensare solo l’ordine che ha saputo mettere nell’universo dei quarti di tono, dei diversi temperamenti, accordature, ecc., avendo una visuale sul futuro delle sette note così lungimirante e profetica …. il Clavicembalo ben temperato, croce e delizia di legioni di pianisti, è li, ed in questo progetto ambizioso ed importante come lo sono tutti quelli cocciutamente ed ostinatamente portati avanti dal granitico Valeriano Bottini in collaborazione con l’Associazione Mozart Italia-Castelli Romani, l’Accademia Musicale Roma Castelli e l’Associazione Culturale Colle Ionci.

Il primo capitolo di questa formidabile iniziativa, nella trascrizione a quattro mani realizzata da Theodore Dubois, è stato affidato alla maestria ed alla leggerezza dei Maestri Adolfo Capitelli e Andrea Calvani, e dei Maestri Sara Dominici e Massimo Perciaccante, che hanno saputo dare, con le loro personali sfumature ed il grande talento che li contraddistingue (i rispettivi curriculum parlano chiaro), una sapiente e pratica lettura del capolavoro bachiano.

Il secondo appuntamento sempre presso il bellissimo Auditorium della Casa delle Culture e della Musica di Velletri avrà luogo Domenica 28 Aprile , alle ore 18,00, con altre due formazioni pianistiche, il Duo Palmas e il Five O’ Clock Piano Duo, di altrettanto valore e bravura…. Il tutto come sempre orchestrato sapientemente dalle interessanti presentazioni dell’ottimo ing. Giancarlo Tammaro, onnipresente “guru” dell’ascolto musicale. Veramente il modo migliore di spegnere le prime 334 candeline del sommo Kantor. E siamo solo all’inizio …….

——————————————————————————————————————